1500 ANI DE STORIA SU NA FRASE IN LENGUA VENETA-VENETICA

A Aquileia i ga trovà na frase, su na lapide, de epoca tardo romana (IV sec. d.C. ) , scrita in memoria de un veneto cristian aquieliense. La ga straordinarie assonanse col veneto che parlemo ancò.
Invese de scrivar "QUOD VULT DEUS" el scalpelin ga inciso "CO VOL DEONI" su detatura dea vedova. Adesso dixemo quasi uguae: CO VOL DIO, par dire che co Dio ciama se parte par el nostro ultimo viaggio.
Trovo che la sia na prova straordinaria che xa al'epoca da noi, nea X Regio, no se parlava el latin perfeto che trovemo scrito, ma un latin venetico col medesimo acento e modo con cui i veneti tende a canbiar l'italian.Za in questa frase breve se capisse che la lengua veneta, gera na realtà viva, nata dal venetico antico che gaveva tante atinenze col latin, come sotolinea diversi studiosi. Quindi, pensè a quanto antica xe la lengua veneta. El 'talian a confronto xe nato ieri... essendo na lengua creà in maniera artificial da leterati.
N'altra roba: i STUDIOSI definisse " lingua" la parlada  dei paleo veneti... che la gaveva i so dialeti (come al dì de ancò) e grafie legermente diverse, ma i 'taliani definisse, "dialeto"  la lengua parlà da noialtri Veneti de ancò. Mah...no riesso a capir. 

Commenti