"EL PARLAR VENETO " CON TERMINI "GREGHI" DEI NOSTRI AVI

Molti sono i termini di derivazione estera, passati nel veneziano prima  e poi nel veneto di terraferma. La glottologa Gianna Marcato dell'università di Padova ne dà qualche esempio.
Mastela, mastice,intimela... e anche altri vengono dalla dimestichezza con Bisanzio.



"Arcipelago, panfilo, squero (cantiere), molo, termini dei marinai, sono tutti di importazione così anche alcuni che riguardano le merci, come bombaso (bambagia, termine soppiantato da cotone che pare derivi dall'arabo) e mastica, mastice, resina importata da Chio, ma sono di importazione anche termini come mastela recipiente che serve per fare il bucato e che in greco significa coppa, scafa, pila dell'acquaio, pitér, vaso da fiori, o anche solo vaso per acqua o altro (in greco piccola giara per il vino), intiméla, federa per cuscini (in greco indumento, veste, anche copertura).
.
.
Còtimo, era l'imposta che in Levante mettevano sui vascelli, pòliza un cartello, una piccola carta scritta, la poliza deli incanti del dazio, si legge in un documento del 1515.
.
.
Dal greco mascella si ha il veneziano ganassa, parola molto diffusa nel senso di guancia, di un bimbo si dice che è bello se ha le ganassete rosse, straca ganasse, s chiamavano appunto le castagne secche perché richiedevano una masticatura laboriosa.
.
.
I mostaci, baffi, pare siano nominati a Venezia per la prima volta nel 1500 "...e le barbe haveano tra il naso e la bocca: el resto tutto raso, come fanno in Costantinopoli li cortegiani: et chiameno quelle barbe, mustacchi". 
.
.
Panegane (parola greca per topo) che si credevano importate da no ai tempi delle Crociate, caciola, è una forma spregiativa per indicare berretta corrisponde al termine greco usato per papalina... sfantar (i sfanto tuti mi) allontanare, far sparire, ha la sua origine dal greco rendere invisibile termine che un veneziano usa per dire che vuole allontanare qualcuno.

Il verbo usmar, deriva dal greco odorare, è diffusa la forma andar a usma, nel senso di tentare, andare a caso.

Commenti