PER NON DIMENTICARLO MAI


Oggi, 25 Aprile 2017 quando i veneziani celebrano la Solennità della morte del Patrono, in Piazza San Marco, giriamo  la vista attorno e guardiamo attentamente quello che ci circonda: si ferma lo sguardo in un angolo meraviglioso, dove sono solennemente posti i Tetrarchi (punto strategico), a metà tra il potere ecclesiastico ed il potere laico, un punto che guarda al Canal Grande (la porta d’entrata della connessione tra Occidente ed Oriente), allo stesso tempo di fronte ai Mori che marcano il Tempo di chi imparte ordini, di fronte al Paron (il Capanile di Piazza San Marco), di fronte alla Zecca, alla Marciana (la cultura veneziana) ed alle Procuratie dove si amministrava il Potere.

Posti in un angolo dove li vedono tutti ed allo stesso tempo loro guardano tutto il movimento dei poteri nella città.

Posti lì da lungo tempo...

Li vediamo come una bellissima opera d’Arte egizia, ma chi decise che quello era il suo posto fu per ricordare a tutti che il Potere solo si raggiunge attraverso l’Unione, una mano abbraccia e con l’altra s’impugna l’arma per difendere in quello che si crede, le proprie tradizioni, i territori ed i popoli che ne fanno parte.....valori purtroppo che dà l’impressione che non esistono più e che dovremmo cercare dentro di noi stessi per impedire che la vecchia Europa scompaia per sempre vittima di un sistema che non desidera che i valori di sempre abbiano una permanenza continuata.

Ma i Tetrarchi seguono rammentando quello che si dovrebbe fare per salvare il nostro mondo.....

Commenti